Primo Sì sul Jobs Act del Lavoro Autonomo; ora approda al Senato!

Colap

Roma, 28 Luglio 2016 – Ieri pomeriggio la Commissione Lavoro del Senato ha approvato il disegno di legge che rappresenta il #JobsAct del lavoro autonomo aggiornandolo con una serie di emendamenti rispetto al testo presentato. Un provvedimento a lungo atteso da diversi milioni di persone che hanno duramente pagato gli effetti della lunga recessione, e che aspettavano con ansia e trepidazione questa “svolta culturale”.

“Negli innumerevoli incontri di questi mesi, con tutte le forze politiche presenti nella Commissione Lavoro del Senato – apre la Presidente Alessandrucci – abbiamo presentato le nostre proposte, sotto forma di emendamenti, non solo legate all’articolato, ma alla filosofia, anche politica, che questo provvedimento avrebbe dovuto manifestare: competitività, competenze e tutele questo il sunto degli obiettivi che ci aspettavamo dal disegno di legge ”.

“Avevamo chiesto e sperato che il testo, rappresentasse soprattutto un incentivo all’apertura di nuove partite iva e alla crescita della produttività di quelle già aperte – prosegue la Alessandrucci – un disegno di legge in grado di guardare al mercato e incoraggiare il professionista ad emergere dal sommerso”.

“Per quanto riguarda le tutele – spiega la Alessandrucci – accogliamo con favore l’inserimento della nostra proposta, che prevede che i periodi di malattia certificati come conseguente a trattamenti oncologici o a trattamenti legati a malattie gravi o che comunque comportino una inabilità lavorativa del 100%, siano equiparati alla degenza ospedaliera, molto di più si poteva fare per rendere fruibili i congedi, l’astensione di 6 mesi è impraticabile per qualsiasi partita iva”.

“E’ stata accolta anche la nostra proposta di far collaborare le associazioni con i centri per l’impiego, perché è utile che le Istituzioni inizino a collaborare con il mondo professionale – incalza la Presidente del CoLAP – sarà il primo degli interventi di sinergia, per il mondo dell’associazionismo professionale che molto può ancora dare”.
“Abbiamo tentano di portare nella Commissione Lavoro la voce dei professionisti – continua la Alessandrucci – e se oggi dovessimo valutare il disegno di legge approvato in commissione, lo faremmo con molto meno entusiasmo rispetto a quando, nella presentazione della Stabilità, Renzi lanciò il jobs act del lavoro autonomo; si prospettava un disegno di legge in grado di riformare e rafforzare questo mondo a lungo trascurato, oggi esce un testo molto attenuato che non fa veri cambiamenti e a tratti rafforza le storiche lobby!”.

“Ma sono fiduciosa che nell’iter parlamentare si possa ancora migliorare il testo – conclude la Presidente del CoLAP – noi ci saremo a portare le istanze e le proposte!”

#siamofiduciosi
Senato della Repubblica

Emiliana Alessandrucci